Vacanze a Kichiputl

Com’è il clima, da voi? Fa freddo? Ancora non molto, suppongo. Ma il Vecchio Carnevale Blogghereccio si porta avanti: il tema di ottobre è infatti l’inverno. Per una volta, non posso dire che sia un tema caldo! 😁

Nel fantasy (come nel folklore) l’inverno è spesso associato a concetti negativi: la morte, la tristezza, la malattia, la spietatezza. Al limite, se ci si ispira alla mitologia nordica, può richiamare l’idea di prodi eroi barbuti che si ergono nella tempesta, e di sfide mortali da affrontare per sopravvivere. È sinonimo di tempi duri, o almeno tempi da duri. Come non citare il motto “l’inverno sta arrivando” (della Casa Stark delle Cronache del Ghiaccio e del Fuoco)?

Beh, ho deciso di provare a ribaltare tutto ciò.

Continua a leggere “Vacanze a Kichiputl”
Pubblicità

Un quartetto conclusivo (digressione disordinata sulle razze, parte 6)

Nei precedenti episodi di questa mini-serie divenuta maxi-serie, dopo aver parlato della mia esperienza con le razze di D&D, vi ho presentato la mia personale visione di 6 di esse: dapprima elfi, nani e gnomi, quindi elfi oscuri, orchi e goblin.

Oggi chiudiamo il cerchio con le ultime 4, andando così a completare la lista delle 10 razze fondamentali presenti nei miei mondi.

Continua a leggere “Un quartetto conclusivo (digressione disordinata sulle razze, parte 6)”

Un perfido trittico di razza (digressione disordinata sulle razze, parte 5)

Questa doveva essere una mini-serie invece mi sto dilungando. Anche perché sono pigro e questi articoli sono facili da scrivere. Un giorno forse accetterò il fatto che devo smettere di perdere i miei giorni con articoli articolati pieni di teoria, e dedicarmi solo a quelli banalotti che fanno anche più visualizzazioni, win-win. 😅

Insomma, bando alle lamentele e continuiamo questa carrellata sulle razze, vi va? Se nel precedente episodio vi ho parlato di elfi “chiari”, di nani e di gnomi, in questo non posso che rispondere con elfi oscuri, orchi e goblin. Per la vostra gioia.

Continua a leggere “Un perfido trittico di razza (digressione disordinata sulle razze, parte 5)”

Un buon trittico di razza (digressione disordinata sulle razze, parte 4)

Ho aperto questa mini-serie (che ormai non è più tanto mini) in modo davvero strano, con una razza bizzarra e poco convenzionale, il kenku. Da lì ho fatto tutto un discorso (spero non troppo contorto) sullo scopo e il senso delle razze in D&D, e su quello che mi piace e quello che non mi piace di loro. Tutta roba soggettiva, sia chiaro: ma siamo nella sezione “digressioni” quindi è normale, non vi potete lamentare.

Che ne dite, adesso, di andare a vedere come utilizzo le razze, in pratica, nei miei giochi? Intendo le razze più comuni, quelle che conosciamo tutti. Ci vorranno diversi episodi. Eccovi il primo: oggi parliamo di elfi, nani e gnomi.

Continua a leggere “Un buon trittico di razza (digressione disordinata sulle razze, parte 4)”

Il collezionista di razze (digressione disordinata sulle razze, parte 3)

Uno dei principali pregi del D&D più recente (dalla terza edizione in su, Pathfinder compreso), a detta di molti, è l’enorme varietà di razze giocabili. Purtroppo si accompagna a quello che è uno dei peggiori difetti del D&D più recente, almeno secondo me: vale a dire l’enorme varietà di razze giocabili. In realtà, più che altro, la mancanza di qualsiasi linea guida su come usarle.

Nella scorsa puntata di questa mini-serie abbiamo parlato del concetto di razza in generale, dal punto di vista del giocatore e dal punto di vista del Diemme. Oggi vi racconterò la mia personale esperienza in materia.

Continua a leggere “Il collezionista di razze (digressione disordinata sulle razze, parte 3)”

Che razza di discorsi (digressione disordinata sulle razze, parte 2)

Quando vi ho parlato della mia esperienza con i kenku per il Vecchio Carnevale Blogghereccio vi avevo anticipato che non sarebbe finita lì, e che avrei usato quello spunto per un discorso più ampio sulle razze in generale. Mantengo la promessa con questa seconda parte, e non sarà l’ultima.

Oggi vedremo la parte densa di teoria e paroloni. Che cos’è una razza in D&D? A cosa serve? Che cosa ci aspettiamo dalla scelta della razza per il nostro personaggio? La grande varietà di razze, tipica di molte edizioni di D&D e affini e in costante crescita, è utile?

Continua a leggere “Che razza di discorsi (digressione disordinata sulle razze, parte 2)”

Ma kenkus’è? (digressione disordinata sulle razze, parte 1)

Ha un tema davvero strano, il Vecchio Carnevale Blogghereccio del mese di Maggio: i kenku. Una razza di personaggio strana e curiosa, poco conosciuta.

Un tema davvero di nicchia, insomma, rispetto a quelli amplissimi dei mesi scorsi (che ci hanno portato a parlare di mare, religione e festività).

Non sapevo davvero cosa scrivere. In fondo ho avuto al mio tavolo un PG kenku solo una volta, e non è stato nemmeno un gran successo… oppure sì?

Ma cos’è davvero un kenku? E cos’è davvero una razza? Perché scegliamo una razza piuttosto che un’altra? E come facciamo a dire che una certa razza ha successo? Ecco, mi sono fregato da solo: quello che sembrava un tema di nicchia adesso è così lungo da doverlo dividere in puntate (ma tranquilli, amici del Carnevale: vi costringerò a incorporare solo la prima).

Continua a leggere “Ma kenkus’è? (digressione disordinata sulle razze, parte 1)”