Ti ho pescato!

Le reti sono il tema di dicembre del Vecchio Carnevale Blogghereccio: un tema vasto e sfaccettato, visti i molti significati che il termine può assumere.

La mia speranza era che tutti facessero a gara per trovare l’accezione più originale e imprevedibile, lasciando spazio al mio losco e pigro intento: concentrarmi su quella banale, la rete come arma.

Purtroppo quel furbacchione di Nerdcoledì ha avuto la mia stessa idea e mi ha battuto sul tempo! 😂 Mi ha fregato pure l’introduzione basata sui gladiatori romani.

Ma forse, visto che lui si è concentrato sulla quinta edizione, c’è spazio per un discorso più ampio. Nella storia editoriale di D&D la rete è comparsa spesso. Nella mia esperienza, però, non l’ho mai vista usare dai giocatori, forse per le sue meccaniche troppo complesse a fronte di un beneficio modesto. Come rimediare?

Continua a leggere “Ti ho pescato!”
Pubblicità

Nessuno grande

Eccoci tornati anche al Vecchio Carnevale Blogghereccio. In questo mese di Settembre il tema proposto è caldissimo (e decisamente attuale; d’altronde, quando mai non lo è stato?). Quel tema è la guerra, ospitato nientemeno che da The Kernel in Yellow (vi ricordate di lui?), “padre fondatore” del Carnevale.

Chi di noi non ha mai avuto la tentazione di includere, in una sua campagna di D&D, una bella battaglia campale? D’altronde sono un grande classico dell’immaginario fantasy (Signore degli Anelli in testa). E in un GdR, come il nostro, che dà ampio spazio al combattimento non dovrebbe essere difficile inserirle, giusto? Eppure, può far comodo qualche consiglio.

Continua a leggere “Nessuno grande”

Meglio stoppare, caro Colville (cosa non fare, episodio 2)

Chi non conosce Matt Colville, il celeberrimo sviluppatore e youtuber, che regala consigli ai Diemme di tutto il mondo dal suo canale Running the Game? È molto apprezzato anche in Italia, infatti è stato citato più volte come riferimento da persone che hanno preso parte al mio terzo speciale.

Oggi parliamo di un suo video e di una pericolosa polpetta avvelenata che ci ha infilato dentro. Bentornati a questa serie sui peggiori consigli per i neo-Diemme, una in cui mi faccio un sacco di amici 😅.

Mettetevi comodi, perché sarà un episodio lungo e complesso: avrò bisogno di tutta la vostra attenzione.

Continua a leggere “Meglio stoppare, caro Colville (cosa non fare, episodio 2)”

Prendiamo le distanze

Ho già avuto modo di esprimermi sul noioso dibattito attorno all’uso, o non uso, della griglia di battaglia in combattimento.

Tuttavia, ragionando sul simpatico sistema di gioco homebrew di Carlo “Fantome” (un mio amico Diemme, che ringrazio e saluto!), mi è venuta l’idea di un possibile approccio per gestire posizioni e distanze senza griglia, in modo approssimato ma rigoroso. Credo che sia applicabile a qualunque edizione di D&D e affini. Quindi, potrebbe interessare anche a voi!

Continua a leggere “Prendiamo le distanze”

Incontri alla griglia

Ci sono cose di cui non ho mai parlato sul blog perché credevo che non servisse: sono già ben trattate in giro per la rete, e io di solito parlo quando sento di poter dare un valore aggiunto. Senza contare che preferisco stare alla larga dalle polemiche più diffuse, se posso.

Ma c’è un argomento che, per quanto mi sforzi di dribblarlo, continua a inseguirmi: l’annosa questione “griglia di battaglia o teatro della mente?”. È incredibile (in-cre-di-bi-le) la pervicacia con cui questo dibattito continua a saltar fuori e a infiammare le discussioni; soprattutto perché è uno di quei dibattiti che non hanno proprio senso di esistere.

Ok, tema-del-giorno, l’hai voluto tu: ti dedicherò un bell’articolo. Su come giocare, ma soprattutto su come (non) dibattere. Mettetevi comodi.

Continua a leggere “Incontri alla griglia”