Diemme

Il modo in cui io, per puro vezzo artistico, scrivo DM (di-emme).

Sta per Dungeon Master.

Il Diemme di D&D ha tre compiti:

  • Creare e gestire le storie (campagne o singole avventure).
  • Arbitrare le azioni dei PG (cioè, ascoltare i giocatori e risolvere le loro azioni attraverso le regole).
  • Interpretare il resto del mondo (PNG, mostri, ambiente naturale eccetera).

L’insieme di queste tre cose viene spesso descritto con il neologismo anglicista “masterare“, avallato perfino dall’Accademia della Crusca; io non lo uso quasi mai perché trovo che suoni male (“masterizzare” suona ancora peggio) ma esiste.

Questo intero blog si rivolge principalmente ai Diemme (vedi Introduzione).