Da zero a cento!

Tranquilli, il titolo non significa che intendo smettere di tirarmela da anticonformista underground ribelle per darmi a una svolta pop reggaeton platinata. Voglio invece celebrare qualcosa:

Questo è il centesimo post su questo blog!

Mi concederò quindi, solo per questa volta, una nota autocelebrativa facilona, con abbondanza di immagini. Rivedremo, in una sorta di classifica, i post e le pagine più “cliccati” di questo primo periodo, e non mancherà qualche anticipazione sul futuro. Ma soprattutto voglio ringraziarvi tutti per la vostra attenzione e partecipazione.

Magnifica opera di un giocatore del mio gruppo, che non vuole svelare la sua identità. Grazie!

Il primo post di Dietro lo Schermo usciva il 18 aprile 2020. Poco più di 9 mesi fa. Lo stile era ancora acerbo e scarno ma l’impostazione era da subito quella che ha ancora adesso: dare una guida pratica ai Diemme di D&D, in modo “agnostico” rispetto alla specifica versione/edizione (Pathfinder e retrocloni compresi), e in modo obiettivo, senza propagandare uno stile di gioco particolare.

Ringraziamenti

Ci tengo a ringraziare innanzitutto le persone con cui ho giocato a D&D nel corso degli anni: Agnese, Andrea, Angelo, Anita, Annafranca, Benedetta, Davide, Emiliano, Fabrizio, Francesco, Gabriele, Iacopo, Luca, Lucrezia, Maddalena, Margherita, Matteo, Matteo, Rossella, Sara, Silvio, Stefano, e sicuramente ho dimenticato qualcuno.

Ho avuto la fortuna di incontrare ottimi giocatori, ottimi Diemme e ottimi co-Diemme, e mi riferisco non alle loro abilità nel gioco quanto soprattutto al loro essere ottime persone. Giocando tanto, e sbagliando tanto, in buona compagnia sono arrivato dove sono adesso. Non dimenticate mai che il vero cuore del buon gioco di ruolo è quello: la buona compagnia. Il resto è secondario.

Voglio poi ringraziare di cuore Federico Calò, fondatore del canale Telegram DungeonsAndDragonsITA (ne parlo nelle Collaborazioni): è stato lui a convincermi a scrivere qualche articolo per il suo canale, facendomi scoprire un’attività che mi dà grande soddisfazione e che mi ha portato quindi ad aprire anche il blog. Senza di lui questo sito non sarebbe mai esistito. Ringrazio anche il resto di quella community, con menzioni particolari per Lord Vetinari, Der Marquis, Fedekino, Krimmuel the Matt, Morri, Simone, e poi tanti altri che non riuscirei ad elencare. Le loro domande e discussioni stimolanti mi hanno portato tante buone idee.

C’è un’altra community che devo ringraziare ed è quella di Dragons’ Lair, un ambiente di confronto immenso, produttivo e ben moderato (anche di quello parlo nelle Collaborazioni). A tutto il team dei moderatori che mi ha indegnamente accolto, e in particolare ad Alonewolf87 e a bobon123, devo tanti insegnamenti di grande valore che mi hanno aiutato a raffinare sia la mia comprensione del gioco sia il mio modo di spiegarlo.

Last but not least, voglio ringraziare tutti i miei lettori: le persone, poche ma buone, che seguono il mio blog, e soprattutto i commentatori più assidui come Red Dragon, Kuroki, Gentediruolo. È grazie alle vostre visualizzazioni e ai vostri feedback che sono continuamente stimolato ad andare avanti con quest’opera. Spero in futuro di poter attrarre (anche con il vostro aiuto) molti altri Diemme, giovani e meno giovani, a leggere e commentare il mio blog.

Il meglio di Dietro lo Schermo

Ho fatto una classifica delle pagine e dei post più visti di questo blog fino ad oggi (per la precisione, fino al 19 Gennaio scorso, perché preparo gli articoli con un po’ di anticipo). Mi voglio divertire a “ripassare” con voi quelli di maggior successo, aggiungendo qualche commento.

Ovviamente non ho contato le pagine “di utilità” o “di smistamento” come la home page, About, Introduzione, le Letture consigliate o il Glossario (che comunque sta andando forte!).

Fuori top 10: Ruling di tamburi (povera vecchia scuola, episodio 4)

La serie di articoli sulla “Vecchia Scuola” non ha spopolato, ma ha una sua nicchia di ammiratori. In futuro forse aggiungerò qualche altro articolo, ma soprattutto ho in programma di partecipare al Vecchio Carnevale Blogghereccio, una splendida idea di Omnia Incommoda, Certitudo Nulla per fare un po’ di “rete” tra noi bloggatori di GdR. Speriamo di farcela! Vi terrò aggiornati.

Fuori top 10: Il Buono, il Neutrale e il Malvagio (fai funzionare gli allineamenti, episodio 7)

La mia serie sugli allineamenti è stata apprezzata, devo dire, ma l’ho molto trascurata negli ultimi mesi, proprio quando le visualizzazioni del blog iniziavano a salire, per questo non è riuscita a scalare la classifica. La verità è che, mentre sull’asse Bene-Male ho raggiunto un risultato soddisfacente (proprio nell’articolo linkato), quando si parla di asse Legge-Caos le cose si fanno più confuse e dovrò ancora lavorarci molto prima di avere qualcosa di chiaro e comprensibile a sufficienza per la pubblicazione. Mi scuso con tutti coloro che sono in trepidante attesa.

Fuori top 10 (per un pelo): Q&A: elementale, Watson – costruire un’investigazione (domanda di Giu)

Questo è uno dei miei primi articoli, uno a cui sono particolarmente affezionato. Quando l’ho scritto non gli attribuivo grande valore (era solo la rielaborazione di una risposta data a un’utente su una chat Telegram), ma ebbe subito dei buoni apprezzamenti, e quel feedback positivo mi incoraggiò non poco a continuare questa mia opera.

Tuttora piace, come si vede dal fatto che è 11mo in classifica. Ciò mi ha ispirato a dare nuova linfa al tema delle avventure investigative in D&D, con una serie che è appena iniziata dall’articolo Un dungeon in rosso.

10mo posto: Q&A: se il giocatore non segue i dogmi (domanda anonima)

Uno dei miei articoli più commentati, forse il più commentato in assoluto. Questo perché il tema dell’interpretazione dei personaggi, del “ruolare” bene o male, del commentare e giudicare l’interpretazione altrui, è un tema che divide.

Bene: perché una nuova serie di articoli, iniziata con Bando al recitazionismo, si occuperà proprio di questo.

6o posto: Players have the power

Questo articolo pre-natalizio sul power play è stato apprezzato più del previsto. In effetti me lo avevano chiesto in molti (molti per gli standard del mio blog, cioè 3 o 4).

4o posto: Incontri casuali in viaggio (fatti bene)

Mi ero sempre ripromesso di non far diventare questo blog un blog di “tool & kit“, cioè di risorse che i lettori potessero riutilizzare nei loro giochi. Il motivo è molto semplice: la rete è piena di risorse del genere, basta un motore di ricerca. Non sentivo di poter offrire nessun valore aggiunto degno di nota.

Voglio che i miei lettori vengano sul mio blog per imparare le cose importanti su come si fa il Diemme, non per sciocchezzuole come schede di mostri e PNG. Per motivi analoghi non ho mai voluto pubblicare recensioni di manuali: Internet già ne pullula.

Eppure, quando mi sono trovato a cercare degli incontri casuali “da viaggio” non sono rimasto soddisfatto di cosa papà Google aveva da offrire. La pagina più gettonata aveva un’impostazione tutt’altro che entusiasmante, e quando l’ho vista apparire tradotta su Dragons’ Lair ho deciso di dire la mia. Non ero molto convinto di questo articolo, ma le vostre visualizzazioni mi hanno persuaso del contrario.

Così, anche se continuerò a dedicarmi in prima battuta all’arte del Diemme, pubblicherò di tanto in tanto anche qualche risorsa mirata, come ho fatto con i Segni distintivi per PNG.

Medaglia di bronzo: Tutto è storia (progetta le tue avventure, episodio 1)

La serie di articoli sulla progettazione delle avventure è un evergreen e probabilmente è quella di cui sono più soddisfatto. È quella che consiglierei più caldamente a qualunque nuovo lettore del blog. Non a caso sono in classifica anche l’episodio 2, l’episodio 3 e l’episodio 6, rispettivamente con 8vo, 5o e 7mo posto. Non la considero conclusa e conto di espanderla ancora, anche se le basi ci sono già tutte.

Medaglia d’argento: E infine giunse la mappa (crea il tuo dungeon, episodio 7)

Contrariamente alla serie sulle avventure, quella sui dungeon non è molto gettonata, il che in un blog che si occupa di Dungeons & Dragons porta a farsi delle domande. Eppure è una delle poche serie di miei articoli che considero già completa. Fa eccezione solo quest’ultimo episodio, forse perché c’è una bella mappa.

Se volete recuperare la serie, inizia con Elementi di dungeoneria applicata e penso che sia molto carina.

Medaglia d’oro: Chi dice Donna dice Dungeon

Ho un po’ barato, perché questa è la home page dello speciale, non uno dei suoi articoli. Ma il primo speciale di Dietro lo Schermo meritava questo occhio di riguardo. Comunque uno dei suoi articoli principali, Donne che odiano gli uomini?, è in 9a posizione, tallonato da vicino dalla Guida al giuoco per donzelle di buon costume della mitica Snee Dronningen (12mo) e da D&D al femminile: introduzione (13mo), tutti parte dello speciale.

La settimana dedicata a Chi dice Donna dice Dungeon è stata di gran lunga la più “cliccata” di sempre, ma soprattutto è stata seguita da un aumento stabile dei lettori anche nei mesi successivi, segno che alcuni di coloro che hanno scoperto il blog con quella serie si sono affezionati e hanno deciso di “restare” (non si poteva certo pretendere che lo facessero tutti).

Sono molto fiero di quell’esperienza, della fatica che ho fatto per mettere insieme quel piccolo dossier, e dell’incontro con tante persone sveglie e disponibili, primi tra tutti i ragazzi di Gondolin APS, Valentina di DD&D, e Rosy Alfarano.

Dopo un’inaugurazione del genere, la tradizione degli speciali non potrà che proseguire. Abbiamo già avuto il secondo, Sei gradi di rappresentazione, e sicuramente ne avremo altri in futuro.

Pubblicità

2 pensieri riguardo “Da zero a cento!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.